"Il giovane Holden" di J.D. Salinger

Author: Giuliana Popolizio Etichette::






Prezzo: 12,00 euro
Pagine: 249
Brossura
Einaudi







Ciao a tuttiiiiii
Oggi vi parlo di un libro che ho incontrato spessissimo sul mio cammino.
Soprattutto Murakami mi parlava continuamente in un suo romanzo del giovane Holden.
Così ho deciso di far  amicizia con il ragazzo qui citato.
Un ragazzo abbastanza schietto , che non sente l’appartenenza alla propria società. Ha uno spiccato senso critico e non accoglie ciò che viene così com’è, ma cerca sempre di affrontare le vicende secondo la propria inclinazione.
Non è ribelle ma non ama gli schemi, non ama le etichette e tutto ciò che è così convenzionale lo fa letteralmente incazzare!
Gli avvenimenti avvengono tutti  in un fine settimana.
Holden è stato cacciato dalla quinta scuola a causa del suo scarso rendimento. Non vuole tornare a casa in anticipo così da non far scoprire l’ennesima bocciatura. Così se ne va a zonzo per due giorni. Incontra vari personaggi di sua conoscenza e ogni incontro è uno spunto di riflessione su diversi temi.
Ci sono opinioni sulla musica, sul teatro, sulle donne, sulla religione … (vi posterò dei frammenti alla fine della recensione).
Il giovane Holden è stato una buona compagnia. Mi sono ritrovata spesso nel suo modo di pensare.
E’ quel tipico ragazzo con del potenziale ma che non ha ancora capito come mettere a frutto le sue doti perché non considera lo studio il mezzo migliore per farlo.

“Non c’è bisogno di darsi al sessuale per conoscere una ragazza”


Io penso che se una ragazza non vi piace veramente, non dovreste affatto spassarvela con lei, e se invece vi piace, allora è presumibile che vi piaccia anche il suo viso, e in questo caso dovreste guardarvi bene dal fargli certe sconcezze come sputarci l’acqua sopra. È un bel guaio che alle volte certe sconcezze siano proprio uno spasso.


[…]Non lo era. Non facevamo che tenerci per mano, ad esempio. Vi sembrerà una cosa da niente, lo capisco, ma era fantastica quando la tenevate per la mano. La maggior parte delle ragazze, provate a tenerle per la mano, e quella maledetta mano o muore nella vostra, o loro credono di dover continuare a dimenarla tutto il tempo, come se avessero paura di annoiarvi o che so io. Con Jane era un'altra cosa. Andavamo in un dannato cinema o in un posto così, e subito cominciavamo a tenerci per mano, e non ci lasciavamo sino alla fine del film. E senza cambiare posizione nè farne un affare di stato. Con Jane non stavi nemmeno a pensare se avevi la mano sudata o no. Sapevi soltanto che eri felice. Lo eri davvero.

Non faccio che dire “piacere d’averla conosciuta” a gente che non ho affatto piacere d’aver conosciuta. Ma se volete sopravvivere, bisogna che diciate queste cose.

A me 
non piace molto il teatro, se volete proprio saperlo. Sempre meglio che il cinema, ma non vedo che 
cosa ci sia da andarsene in visibilio. Tanto per cominciare, detesto gli attori. Non sono mai naturali
com'è la gente normale. Credono soltanto di esserlo. Alcuni dei bravi lo sono, in modo molto 
approssimativo, ma non è che faccia piacere guardarli. E se un attore è veramente bravo, si vede 
lontano un miglio che sa di essere bravo, e questo rovina tutto.

La cosa migliore di quel museo era però che tutto stava sempre
allo stesso posto. Nessuno si muoveva. Potevi andarci centomila volte, e quell'esquimese aveva 
sempre appena finito di prendere quei due pesci, gli uccelli stavano ancora andando verso il sud, i 
cervi stavano ancora abbeverandosi a quella fonte, con le loro belle corna e le belle, esili zampe, e 
quella squaw col petto nudo stava ancora tessendo la stessa coperta. Nessuno era mai diverso. 
L'unico a essere diverso eri  tu. Non è che fossi molto piú grande né niente di simile. Non era  
proprio questo. Era solo che eri diverso, ecco tutto. Stavolta avevi addosso il soprabito, magari [...]
Voglio dire, eri diverso, per una ragione o per l'altra - non so spiegare quello che ho in 
mente. E anche se sapessi farlo, non sono sicuro che ne avrei voglia.  


Buone lettureeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
A presto!!!

1 opinioni |
  1. In lista d'attesa!!

Posta un commento

Pagine

BooksPassion cerca collaboratori!

BooksPassion cerca collaboratori!
contatto email: giulipopo@hotmail.it

Gruppo di lettura

Gruppo di lettura
Questo blog ha deciso di immergersi nella lettura di gruppo di questo acclamatissimo romanzo!

Seguimi se ti va!

By Email

L'estate dei morti viventi

L'estate dei morti viventi
qui trovate la recensione:http://giuliana-bookspassion.blogspot.it/2011/02/recensione-lestate-dei-morti-viventi-di.html mentre cliccando sulla foto potete leggere un articolo di "terre di confine magazine"

Banner

Chat

Books Passion Reviews

Serie tv seguite e suggerite

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

Blog Archive

Google+ Followers

Powered by Blogger.

su Facebook

Libreria Anobii

Banner amici


create your own banner at mybannermaker.com! Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic angelss_book



Create your own banner at mybannermaker.com!
Copy this code to your website to display this banner!
banner 1 banner 2